Chi siamo

 

Il GAL Montagne Biellesi è una società costituita da soci pubblici e privati e dal 2010 si occupa di gestire i fondi comunitari del Piano di Sviluppo Rurale. E’ formato dai rappresentanti delle tre aree geografiche del Biellese definite dalle Unioni Montane Valle Elvo, Valle Cervo-La Bürsh, del Biellese Orientale e delle Prealpi Biellesi. A queste si aggiungono la Provincia di Biella, la Camera di Commercio, Biverbanca, le associazioni di categoria locali (ASCOM, Confesercenti, Confartigianato, CNA, Coldiretti), le rappresentanze del sistema cooperativo locale e non (Legacoop Piemonte e Confcooperative) e, infine, un ramo d'azienda di un'importante realtà tessile locale quale la EZ Real Estate. Il presidente è Emanuele Ramella Pralungo e la struttura tecnica è diretta dal dott. Michele Colombo.

L’area Gal del Biellese interessa 50 comuni e ospita una popolazione di 66.844 persone.

L’ambito tematico del Gal si articola su tre linee di intervento: Filiera produttiveTurismo sostenibile e Servizi essenziali.

Il Gal gestisce, nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte 2014-2020, l’attuazione del Piano di Sviluppo Locale “Montagne Biellesi in transizione: nuove economie e reti territoriali come strumento di sviluppo locale partecipato del territorio”, attraverso l’approccio bottom-up di Leader.

Il Piano ha una dotazione finanziaria massima concedibile di circa 4,5 milioni di euro di contributi a fondo perduto a favore di imprenditori agricoli e coltivatori diretti, micro e piccole Imprese, enti pubblici e altri operatori dell'economia rurale e permetterà di agevolare investimenti sul territorio negli ambiti individuati.

Oggi il GAL è pronto a raccogliere nuove istanze e ampliare il proprio bacino territoriale di azione, fidelizzando chi ha già partecipato alle proposte nel passato e invitando tutti i nuovi soggetti che si avvicineranno alla struttura a far parte della nuova programmazione. Per raggiungere l’obiettivo ha deciso di scommettere sulle filiere produttive, indicandole come tema prioritario del proprio Psl, sperimentando in particolare, fra le altre, misure di aiuto che interessano le filiere e le reti territoriali di piccole e micro imprese nei settori dell’artigianato, del commercio, dei servizi, ma anche del turismo.

Oltre ai bandi declinati su ogni azione si aggiunge l’opportunità di favorire un coinvolgimento promozionale costante e innovativo di tutte le imprese ed enti pubblici che hanno formato “reti” fra di loro e avviato rapporti di collaborazione con il Gal. Sono stati avviati due importanti progetti di cooperazione: nel primo caso in collaborazione con i Gal Valli di Lanzo e Valli del Canavese sul turismo accessibile in montagna, il secondo, di respiro internazionale, con Gal provenienti da Finlandia, Spagna, Estonia ed Ungheria, oltre che Italia: un progetto che consente di mettere in rete i rispettivi territori e le modalità di interpretare l’offerta turistica ed enogastronomica. Ogni attività del Gal, sia essa istituzionale o di promozione, trova nella struttura ampia diffusione attraverso strumenti di promozione anche innovativi quali un’app dedicata (Vivilbiellese), mailing e partecipazione attiva agli eventi di promozione territoriale.